Ode a Venere

di Malvi Commenta

Saffo è stata una poetessa greca antica, autrice dell’Ode a Venere che vi riportiamo di seguito.

O Venere dal soglio
Variopinto, o germoglio
Di Giove, eterno; o d’amorosi furti
Artefice: a te supplico: di rea
Cura e d’angoscia non gravarmi, o Dea.

Vieni, se orecchio attento
Al mio d’amor lamento,
Che spesso io ti mandava, unqua porgesti.
Lo udivi; e, la paterna aula varcata,
A me traevi; e, al cocchio aureo aggiogata

Di passeri leggiadra
Celere coppia, l’adra
Terra, quaggiù menandoti, dall’alto,
Aleggiando agilissima radea,
Per mezzo l’aere; e subito giungea.

Tu, beata, del volto
Immortale a me volto
Il celeste sorriso, onde, chiedevi,
Onde il dolor per ch’io mi trangosciai,
E qual fosse cagion ch’io ti chiamai.

Come il profondo mio
Furïoso desio
Meglio a me piaccia racquetar, per quale
Nuova facondia o laccio altro d’amore:
Chi, Saffo mia, chi ti martella il core?

Fugge or da te costui?
Fra poco i passi tui
Seguiterà; rifiuta ora i tuoi doni?
Darágli esso medesimo; e’ non t’ama ora?
T’amerà presto, al tuo dispetto ancora. –

Torna a me di presente:
Sana la sanguinente
Ferita mia: quanto il desir domanda
Che tu compia per me, compiere imprendi;
E tu medesima a pugnar meco scendi.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti post incentrati su Venere:

Lucrezio, invocazione a Venere

I fiori preferiti della Dea Venere

Esperienza diretta con lo spirito del pianeta Venere

Festa di Venere

La Primavera si avvicina: La Sacra Veglia Per Venere

Le Erbe influenzate da Venere

5 giugno 2012: Allineamento Terra-Venere-Sole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>